La rivoluzione “calda” del trapianto di fegato parte da Pisa

La rivoluzione “calda” del trapianto di fegato parte da Pisa

Un rivoluzionario programma di trapianto di fegato ha preso il via nell’Unità operativa di chirurgia epatica e del trapianto di fegato dell’Azienda ospedaliero universitaria Pisana (AOUP) diretta dal professor Franco Filipponi, in cui l’organo destinato al trapianto viene conservato all’interno di una macchina e perfuso con sangue a 37°C, mantenendolo perfettamente vitale alla temperatura fisiologica di 37°C, esattamente come fosse nel corpo umano, prima dell’impianto nel ricevente. L’innovativa tecnica è stata introdotta dai chirurghi Davide Ghinolfi e Daniele Pezzati che, grazie alla collaborazione dei dottori Emanuele Balzano, Laura Coletti e Paolo De Simone, alcune settimane fa hanno eseguito con successo l’intervento, il primo mai fatto in Italia.

chiudi
mostra

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi